EMOZIONI COLORATE: il capolavoro è la nostra mente e non solo

Che ci piaccia o no i colori fanno parte di noi, attraverso di essi riusciamo ad esprimere noi stessi sia a parole che con le azioni. Per esempio, se stiamo passando una brutta giornata potremmo definirla grigia, oppure se vogliamo dichiarare il nostro amore ad una persona potremmo regalarle delle rose rosse, mentre se notiamo il vicino intento a spiare le nostre splendide e curate aiuole potremmo, con un pizzico di malizia, supporre che sia verde di invidia.

Il colore per noi è comunicazione, emotività e psiche. In base alle varie gradazioni può comunicare sensazioni e sentimenti differenti, tendiamo infatti ad associare alle emozioni diversi colori e a farci influenzare di conseguenza.

Max Luscher psicologo e filosofo svizzero – notò che in base agli stati emotivi e psicofisici in cui si trova, un individuo tenderà a provare attrazione o repulsione verso un colore. Sostanzialmente, i colori ci permettono di trasmettere chi siamo e cosa stiamo vivendo, attraverso di essi visualizziamo ed esprimiamo i nostri bisogni, desideri, paure, ecc. 

È un linguaggio che parla di noi.

Nel 1949, alla luce di queste informazioni, Luscher partorì il “test dei colori” dove questi vengono utilizzati per descrivere vari sentimenti e stati emotivi del paziente. Per questo test selezionò 8 colori: Rosso, Giallo, Verde, Blu, Viola, Marrone, Grigio e Nero e chiese ai pazienti di usarli per descrivere i propri sentimenti. Andiamo ora a vedere nel dettaglio le caratteristiche di ciascun colore (con l’aggiunta dell’Arancione, Bianco e Rosa), le emozioni principali collegate, i risultati del test Luscher ed il Chakra di appartenenza, ovvero i centri di energia presenti nel corpo umano che presiedono alle funzioni organiche, psichiche ed emotive dell’individuo (In questo articolo non indagheremo a fondo l’argomento, ma se volete saperne di più, tenete d’occhio i prossimi articoli).

ROSSO

Emozioni: passione, amore, calore, alimentazione, resistenza, ed è molto stimolante. Per molti risulta un colore troppo aggressivo. Simboleggia anche il pericolo, il sangue, il fuoco e la violenza.

Luscher: denota un senso di forza e di sicurezza, per cui la scelta orientata al rosso corrisponde ad uno stato di attivazione nella direzione di una conquista, ad un desiderio espansivo: esprime fiducia e sicurezza di sé.

Chakra: 1° chiamato Muladhara o “chakra della radice” collocato alla base della colonna vertebrale tra l’ano e i genitali. Importante per creare una buona base fisica e psicologica per la nostra vita.

ARANCIONE

Emozioni: accoglienza, ospitalità, attenzione, ricerca e studio ,è percepito come un colore vibrante. Simboleggia inoltre la fiamma, il fuoco e la lussuria.

Chakra: 2° chiamato Svadhistana ochakra sacrale” collocato nel basso addome fra ombelico e genitali. Riflette il bisogno istintivo di sviluppare una personalità specifica, ma anche di andare verso gli altri.

GIALLO

Emozioni: felicità, crescita, l’oro e a luce solare. Al contrario può simboleggiare disonestà, codardia, tradimento, gelosia, falsità, malattia e azzardo.

Luscher: è il colore del cambiamento e della ricerca del nuovo, suggerisce espansione e movimento, libertà e autonomia.

Chakra: 3° chiamato Manipura o “chakra del plesso solare” collocato tra l’ombelico e la base dello sterno. Occupandosi della digestione è di riflesso la capacità di metabolizzare ed assimilare qualunque cosa, anche i pensieri.

VERDE

Emozioni: attribuito alla natura, all’ambiente, alla vita, alla crescita, alla fortuna, alla gioventù, alla primavera, alla fertilità ed alla religione. Le emozioni contrarie associate sono invidia e gelosia.

Luscher: esprime stabilità, forza, tenacia, costanza, perseveranza, equilibrio psicologico, autostima, riferimento saldo a valori forti.

Chakra: 4° chiamato Anahata o “chakra del cuore” collocato al centro del petto, il cuore. Dedito all’amore ed alla compassione verso gli altri ed a sé stessi.

BLU

Emozioni: calma, armonia, fiducia, lealtà, pulizia, l’acqua ed il cielo. Al contrario può essere interpretato come tristezza e depressione.

Luscher: senso di calma, soddisfazione, pace interiore, quiete e armonia.

Chakra: 5° chiamato Vishuddha o “chakra della gola” collocato nella gola. È il mezzo con cui comunichiamo al mondo il nostro punto di vista.

VIOLA

Emozioni: simboleggia regalità, spiritualità, passione ed amore. Contrariamente crudeltà, arroganza, pianto e tradimento. Colore della penitenza è associato tradizionalmente alla spiritualità mistica, indica l’unione degli opposti e la suggestionabilità.

Luscher: è il colore della metamorfosi, del passaggio da uno stato ad un altro, simboleggia una trasformazione.

Chakra: 6° chiamato Ajna o “chakra del terzo occhio” collocato sulla fronte, tra le sopracciglia. Grazie alla sua energia abbiamo la possibilità di vedere ogni cosa come sacra e degna di rispetto, in quanto dissolve la dualità permettendoci di non considerare più le cose in termini di “buono” e “cattivo”, “bello” e “brutto” ecc.

BIANCO

Emozioni: il colore della purezza, sinonimo di pulizia, innocenza, spazio, castità, semplicità e pace. Ma anche di morte secondo le culture orientali, freddezza e sterilità. Appartiene alla fascia dei colori neutri ed indica il massimo carico di luce.

Chakra: 7° chiamato Sahasrara o “chakra della corona” collocato sopra o al di sopra della testa. All’interno di questo chakra la personalità individuale si dissolve nell’essenza del tutto.

ROSA

Emozioni: simboleggia femminilità e gioventù. Interpretabile anche come debolezza, ingenuità e morbidezza.

MARRONE

Emozioni: il colore della terra, neutralità e caldo.

Luscher: corrisponde alla sensazione della propria fisicità. Rappresenta il solido, il corporeo, il materiale.

GRIGIO

Emozioni: simboleggia neutralità, intelligenza, solidità, pulizia e qualcosa di moderno. Viene anche associato a maturità e tristezza. 

Luscher: è il colore del non coinvolgimento emotivo, di chi prende le distanze dai sentimenti e dalla vita.

NERO

Emozioni: associato a potere, eleganza, magia, mistero e notte. Simboleggia anche lutto e morte nelle culture occidentali, cattiveria, infelicità, tristezza, rimorso e rabbia. Nell’arte paleocristiana da solo od unito al rosso rappresentava il demonio.

Luscher: Appartiene alla fascia dei colori neutri, è l’assenza di colore, la negazione, l’opposizione dietro la quale può nascondersi un desiderio di rivendicazione di potere.

Infine mi sembra doveroso citare, parlando di medicina alternativa, la Cromoterapia, pratica originaria dei primi Novecento, consiste nell’utilizzo di colori specifici per il trattamento di vari disturbi. Questo metodo terapeutico sfrutta le vibrazioni cromatiche per ristabilire un equilibrio energetico alterato. Per saperne di più su questa pratica vi lascio questo link per una lettura più approfondita.

Ed eccoci alla fine dell’articolo, spero vi sia piaciuto e sono curiosa di sapere se vi rivedete in un colore particolare, personalmente il mio preferito rimarrà il Rosso! Avete trovato delle analogie nelle descrizioni? C’è un colore che influenza particolarmente la vostra vita o semplicemente.. qual’è il vostro colore preferito? Attendo i commenti!

Qua la mano! Valeria

FONTI:

Testo: “Il corpo sottile. La grande enciclopedia dell’anatomia energetica” Cyndi Dale

https://girlpower.pianetadonna.it/psicologia/psicologia/colori_emozioni_psiche.php

https://www.cure-naturali.it/enciclopedia-naturale/terapie-naturali/medicina-naturale/cromoterapia.htm

https://www.andrealeti.it/psicologia_dei_colori/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza strumenti propri o di terze parti che salvano dei piccoli files (cookie) sul tuo dispositivo. Questi cookies di tipo tecnico, come Google Analytics servono per generare report e statistiche, i dati sono anonimi, tutto questo per e poterti offrire un servizio sempre migliore.

Abilitare i cookies ci permette di offrirti un servizio migliore