5+1 fonti di calcio!

Il calcio è un minerale molto utile per il corpo umano, una sua carenza porta ad ossa fragili e a disfunzioni a carico dei muscoli e neuroni. In tutti i regimi alimentari (vegano, vegetariano ed onnivoro) si può incorrere in un apporto insufficiente e quando accade il nostro corpo attinge direttamente alle ossa per completare tutti i processi in cui questo minerale è presente.

Quest’articolo vuole essere un suggerimento per tutte le persone che non sanno dove è contenuto questo alleato prezioso per la nostra salute ma non vuole essere un sostituto del parere medico (di base o specialistico). Rivolgetevi sempre a figure competenti!

Quando si perde calcio?

Investiamo calcio in vari processi chimici, lo perdiamo quando uriniamo, defechiamo e sudiamo.

Di quanto calcio abbiamo bisogno?

1000 mg al giorno per le persone di età compresa tra i 19 ed i 50 anni.

1200 mg per le persone daI 51 anni, può sembrare moltissimo ma grazie ai nostri suggerimenti capirete che non è difficile raggiungere il fabbisogno giornaliero.

Perché suggeriamo fonti vegetali?

Studi approfonditi hanno dimostrato che chi segue una dieta onnivora con un elevato apporto di proteine perde più calcio attraverso le urine, questo porta a dover assumere ancora più calcio rispetto a chi segue una dieta vegana e vegetariana.

Suggeriamo alimenti vegetali per evitare di “spendere” troppo calcio già presente nel corpo per i processi digestivi e di assimilazione.

Perché non suggeriamo il latte vaccino?

Anche in questo caso studi hanno dimostrato che per i processi chimici e la digestione difficoltosa del latte da parte del corpo, occorra “spendere” più calcio di quanto se ne introduce, portando lentamente il corpo in “perdita” costante.

Per esempio se introduciamo un valore di 100 mg di calcio tramite il latte vaccino dovremmo spendere 150 mg per la sua digestione portandoci in carenza di 50 mg. 

Moltiplicate questo esempio per altri prodotti di origine animale e potrete capire da soli che diventa molto complicato tornare a valori salutari.

A riprova di quanto detto sopra è statisticamente dimostrato che nei paesi nordici, dove il consumo di latticini è molto più forte e diffuso, i casi di osteoporosi siano maggiori.

Ecco i cibi con il maggior numero di calcio:

  1. Semi di sesamo

È tra gli alimenti maggiormente ricchi di calcio.

100 gr di semi di sesamo crudi contengono 1000 mg di calcio, mentre nella crema tahin possiamo trovarne 400 mg ogni 100 gr di prodotto.

Con questa crema è possibile creare un ottimo condimento per insalate!

Attenzione alle calorie! Anche se sono calorie buone!

2. Verdura a foglia verde scuro

Il cavolo verde contiene 139 mg di calcio per 100 gr.

Potrete consumare questo alimento stufato e arricchito con la salsa thain in modo da avere un’iniezione di calcio potentissima!

3. Semi di lino

È incredibile come alimenti così ricchi purtroppo vengano un po’ bistrattati perché poco conosciuti. I semi di lino sono sì ricchi di calcio, ma anche dell’importantissimo Omega 3 che ci aiuta a mantenere sano il cuore senza spendere troppo calcio!

256 mg di calcio per 100 gr e 17 gr di omega 3 per 100 gr.

Non esistono scuse per non includere questo prezioso alimento nella vostra dieta! potete spargere questi semini sulla pasta, nelle verdure, nelle insalate.

4. Quinoa

Fortunatamente questa pianta si trova molto più comunemente nei nostri supermercati ed è ovviamente una ricca fonte di calcio.

60/100 mg di  calcio per 100 gr.

5. Arancia

Non si parla del succo confezionato ma di quello appena spremuto, apporta 70 mg di calcio inoltre ricordiamo che le arance contengono vitamina C, che oltre a far bene al corpo, favorisce l’assorbimento del ferro!

6. Mandorle.

Anche qui abbiamo un alimento che oltre a fornire calcio, 266 me per 100 gr, garantisce un apporto di altri nutrienti quali magnesio, vitamina B2 e vitamina E che ci aiuta a combattere i radicali liberi.

Ne bastano 10 al giorno per arrivare a 270 mg e si possono dividere tra colazione e spuntino per avere energia e spalmare le calorie che, come sappiamo, sono elevate quando si parla di frutta secca. 

BONUS

Un’insospettabile alleata della “caccia al calcio” è l’acqua!!!

Occorre però leggere bene le etichette, prediligete acque con poco sodio (porta ad investire calcio) e che abbiano tra i 400/300 mg per litro.

ATTENZIONE.

Quello che non viene riportato in molti articoli è l’importanza che ricopre la vitamina D, di cui parleremo prossimamente, per l’assimilazione del calcio da parte dell’organismo! Non serve a nulla porre attenzione all’alimentazione se non “attiviamo” questa vitamina esponendoci anche solo con viso e braccia al sole per 15 minuti al giorno! 

Per cui via libera alle passeggiate sotto il sole, alla lettura di un buon libro su una panchina al parco o una corsetta pre pasto.

Come sempre siamo curiose di leggere le vostre esperienze, avete mai riscontrato una carenza? Come avete rimediato? 

Alla prossima, vostra T.

Fonti: La scienza vegetariana sito creato da medici e nutrizionisti competenti

Curiosità: Latte non più prescritto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza strumenti propri o di terze parti che salvano dei piccoli files (cookie) sul tuo dispositivo. Questi cookies di tipo tecnico, come Google Analytics servono per generare report e statistiche, i dati sono anonimi, tutto questo per e poterti offrire un servizio sempre migliore.

Abilitare i cookies ci permette di offrirti un servizio migliore