Haiku richiama pioggia (e delirio)

Sono qui e boccheggio da ore.

Mentre il mondo rallenta c’è sempre qualcuno che continua a correre, e quella sono proprio io.
Io come tanti.

Perciò rifletto su cosa scrivere e cercando disperatamente applico il pensiero del qui ed ora.
Sono nell’attimo, nel momento presente e in questo momento…

Ho caldo!

Così semplicemente. Nessun pensiero alto, nessun insegnamento, nel qui ed ora vorrei solo togliermi l’aria appiccicaticcia di giugno di dosso, avere un bel gelato al posto della cena che non avrò voglia di cucinare, una brezza che possa alleviare la fatica che provo nel respirare.

E invece no…
Nel qui, ho caldo.
L’ho già detto vero?

Perdonatemi.
Ecco, adesso non sono più nel momento presente, sto pensando che di fatto non vi sto raccontando niente, che sarò stata noiosa, che avrei potuto scrivere altro e sto nel passato.
Allora mi proietto nel futuro e penso che troverò un collegamento fantastico che svolterà il post rendendolo originale e super cool! Suona un po’ da sfigati, la parola cool dico.

Ad ogni modo.

Mi assale nuovamente la sensazione di carta moschicida e di unto che accompagna l’estate, ed eccomi a desiderare la pioggia! Un’aspettativa che stando al cielo rosso di tramonto, non verrà appagata.

Mi frustra, l’estate dico, la odio. A meno che non si viva al mare, l’estate è terribile.
Una frase fatta. Corro e parlo come tutti. Sono così prevedibile e scontata?
Si stava meglio quando si stava peggio, non ci sono più le mezze stagioni e appunto, se non sei al mare l’estate…

Va bene, facciamo che il qui ed ora non si può fare.

Vi regalo un haiku, oltre al mio delirio.

Quant’è triste che io attenda la fine di una stagione che porterà la morte per alcuni esseri viventi?
Parecchio. Alla fine sono egoista, come tutti.

Si corre come tutti, si pensa a se stessi come tutti.
Esserne consapevoli però, è già un buon inizio.

Alla prossima, vostra T.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza strumenti propri o di terze parti che salvano dei piccoli files (cookie) sul tuo dispositivo. Questi cookies di tipo tecnico, come Google Analytics servono per generare report e statistiche, i dati sono anonimi, tutto questo per e poterti offrire un servizio sempre migliore.

Abilitare i cookies ci permette di offrirti un servizio migliore