Quando la musica è un gioco!

Ascolti 360°

Oggi voglio portarvi a conoscenza di un mondo che mi è molto caro e a cui i non appassionati hanno difficilmente accesso, quello dei videogiochi e nello specifico della musica originale scritta per essi.

Cos’è un videogioco?

Si tratta di un software che attraverso una grafica più o meno sofisticata, catapulta uno o più giocatori in svariate situazioni ludiche a scopo di intrattenimento.

La storia dei videogiochi comincia circa 70 anni fa e guardando ad oggi, possiamo dire che ne è passata di acqua sotto i ponti dall’epoca di Pong (ping pong virtuale creato nel 1972). Chi avrebbe mai pensato che da quelle due barre verticali e quel puntino si sarebbe arrivati al foto realismo di cui possiamo godere oggi?

Pong
Ellie protagonista del gioco The last of us parte II

Così come la grafica anche tutti gli altri aspetti del videogioco si sono evoluti nel tempo. Le storie narrate hanno potuto acquisire un carattere sempre maggiore grazie alla cura per i dettagli e le sceneggiature sempre più accurate ed elaborate. L’acuta caratterizzazione di alcuni personaggi ha trasformato un agglomerato di pixel in icone pop, anche per i non appassionati, lasciando di fatto un segno indelebile nella storia. Vi basti pensare che negli anni 90 Lara Croft, protagonista del gioco Tomb Raider, fu oggetto di copertine di riviste, francobolli, pubblicità, video musicali, serie di fumetti dedicata e vari film. Piccola curiosità, in Italia ne potemmo ammirare una fantastica parodia grazie a Sabrina Impacciatore nel programma tv Ciro, il figlio di target (vi lascio un link a fondo pagina).

un francobollo dedicato a Lara Croft

In ultimo ma non meno importante, la musica, grazie alla quale l’esperienza ludica si arricchisce diventando ancor più profonda. Gli 8 bit sono ormai un lontano ricordo e le colonne sonore che accompagnano le avventure di tutti i videogiocatori sparsi per il mondo, hanno contribuito ad accrescere la cultura del videogioco che può tranquillamente elevarsi ad opera d’arte a 360°!

Perfettamente in linea con la nostra mission, non vi pare?

Classifiche? Preferisco le liste!

Voglio condividere con voi quelle che sono senza ombra di dubbio, le mie colonne sonore preferite, aggiungendo qualche nota personale o ricordo sotto forma di lista; questo perché sarebbe impossibile per me preferire una colonna sonora/canzone ad un’altra. Tutte hanno reso indelebile nella mia memoria e sulla mia pelle, i brividi, le lacrime, la paura, la gioia che ho provato in questa mia lunga storia d’amore con i videogames.

Tengo a precisare che questa lista è strettamente personale in quanto non è umanamente possibile aver giocato ogni gioco uscito fin’ora. Sarò felice di ascoltare ogni canzone che riteniate degna di nota, anzi vi chiedo di lasciare un commento al post con la vostra personalissima lista o se preferite classifica!

The legend of Zelda – Link to the past (Snes 1991)

Partiamo con il botto! Già nella schermata d’avvio l’adrenalina è altissima! Imbracciate lo scudo e sguainate la spada! Il nostro Link, che all’epoca chiamavo erroneamente Zelda, ha l’arduo compito di salvare Hyrule e noi lo aiuteremo!

Puzzle Bobble (Arcade 1994)

Questo motivo mi catapulta indietro nei pomeriggi all’oratorio e più avanti nel tempo, nella mia cameretta a duellare con mia mamma a suon di bolle che scoppiano. Ricordi dolci e preziosissimi. Un gioco senza tempo!

Pokémon Rosso e Blu (Game Boy 1999)

Non ero una fan dei Pokémon e, a dirla tutta, non lo sono nemmeno adesso, ma se sento questa parola la collego subito a questa musichetta. Lo giocavo su una vecchia versione del Game Boy, quello enorme, con lo schermo verde e i pulsantoni magenta. Nonostante fosse già disponibile il Game Boy color la magia era la stessa, in un mondo tutto nero e verde riuscivo comunque a divertirmi, anche se devo mestamente ammettere di non essere un granché come allenatrice… non li ho mai presi tutti.

Super Mario World (Snes 1992)

Forse non è la canzone più famosa ma è di certo la mia preferita! L’allegria e la spensieratezza che suscita è incredibile! Se una giornata è andata storta… provate ad ascoltarla! L’idraulico protagonista del gioco non ha bisogno di presentazioni! Se potete recuperate questa pietra miliare del videogioco, ne vale la pena! Ore di divertimento assicurate.

Da insegnante di canto non posso non regalarvi un delizioso extra!

Crash Bandicoot (PS1 1996 – PS4 2019)

Un altro platform, oltre a Super Mario, che mi divertì incredibilmente. Proponeva una grafica 3d ed una giocabilità a cui Super Mario 64 aveva aspirato senza fare centro. Questo portò il personaggio di Crash a diventare immagine di playstation e un icona sia per il tempo che per i giorni nostri. Infatti nel 2019 è uscito, su Playstation 4 Crash Bandicoot N. sane trilogy che comprende i primi 3 giochi tirati a lucido per le consolle di ultima generazione! Da recuperare.

Tomb Raider 1 (PS1 1996)

Questa magica melodia riusciva a mitigare l’ansia che le trappole e gli animali feroci (per quanto cubici) riuscivano a farmi provare. I solitari violini, l’arpa leggiadra e i cori che danno un tocco mistico, mi permettevano di calarmi perfettamente nella parte. Un’avventuriera forte che con le sue sole forze risolve misteri e salva il mondo da forze primordiali. Chi non vorrebbe essere così tosta? Come e anzi più di Crash, Lara è un personaggio che resiste nel tempo e se dal punto di vista ludico la sua storia presenta degli scivoloni (Tomb Raider: Chronicles), tutto il resto sembra godere dell’immortalità. Nel 2018 è uscito l’ultimo film con Alicia Vikander nei suoi panni, mentre nel lontano 2001 li vestì Angelina Jolie.

Silent Hill (PS1 1999)

Cambiamo completamente registro. Questo mandolino iniziale riusciva a mettermi tutta l’ansia e la solitudine del mondo che restava addosso per giorni. Inutile dire che nel periodo in cui giocavo a questo gioco (a volte anche adesso) l’inverno era un trauma. La nebbia non avrà più lo stesso significato e se per caso durante un viaggio in auto la radio non prende, vi assicuro un mezzo attacco di cuore! A livello di trama consiglio Silent Hill 2 su Playstation 2 ma se parliamo di musica questo capitolo resta imbattibile!

Tekken 3 (PS1 1997)

Con questo sottofondo musicale non si può che picchiare forte! All’epoca mi colpì molto questa sonorità così pompata e questo fu il gioco che mi fece acquistare la mia prima consolle “desiderata”. Inutile dire che lo consumai. Piccola curiosità! Inserendo il cd nello stereo era possibile ascoltare tutta la colonna sonora, era una cosa comune nei giochi dell’epoca!

Soul Blade (PS1 1995)

Non era un gioco al livello di Tekken in quanto a grafica e comparto tecnico ma era comunque divertentissimo ed originale per la presenza di combattimenti con le armi. Però devo confessarlo… il più delle volte lo inserivo nella PS1 solo per sentire questa canzone che mi caricava da matti!

Tenchu: Stealth Assassins (PS1 1998)

Non poteva essere che amore per questo gioco che parla del mio amato Giappone. L’intro iniziale andava a rotazione per un tempo che non mi sono mai preoccupata di calcolare e in una lingua tutta mia, ne cantavo la melodia guardando fuori dalla finestra e sognando i ciliegi in fiore. Ero una ragazzina ma tranquilli lo faccio anche ora, con il testo giusto però!

Metal Gear Solid (PS1 1998)

Quando ascolto questa canzone mi ritrovo ad immaginarmi sola, in un paesaggio innevato. Il gelo pungente, la pace, la solitudine, il dolore, la consapevolezza. Amore al primo ascolto. Piccolo aneddoto. Più di 10 anni fa, andai a studiare con Floor Jansen (ora cantante dei Nightwish) e fui davvero fortunata a ricevere in regalo da lei un biglietto per andare a sentire un concerto a tema videogames. Quello che non sapevo, era che lei avrebbe cantato proprio questa canzone! Il mio idolo che cantava una delle mie canzoni preferite… potete immaginare la mia reazione!!! Allagai il teatro.

The last of us (PS3 2014)

Un gioco dalla trama intensa e gameplay crudo, tutto di questo gioco è poesia, per gli occhi ed il cuore. La colonna sonora magistrale riesce a veicolare tutte le emozioni dei protagonisti. La desolazione, la crudeltà della vita ma la speranza che contraddistingue il genere umano, si susseguono battuta dopo battuta trasformandosi in note. Da ascoltare tutta.

Life is Strange (PC – PS4 2015)

Qui vi propongo il tema della colonna sonora che però è composta principalmente da brani di artisti vari, tutti veramente belli! Ci sono canzoni che porto nel cuore, che mi straziano ad ogni ascolto, riportano alla memoria dolori. A volte fa bene. Le mie preferite sono: To All of You (Syd Matters), Spanish Sahara (Foals), Obstacles (Syd Matters), In My Mind (Amanda Palmer).

Eccoci quasi alla fine, ho lasciato per ultimo il mio grande amore, la ciliegina sulla torta, il boccone più dolce che si lascia nel piatto per ultimo perché vuoi chiudere in bellezza.

Final Fantasy VII – VIII – X + tema

Qui ho dovuto scegliere ma fosse per me vi direi:” Prendete e ascoltatene tutti!!!” Nobuo Uematsu (compositore delle colonne sonore) è religione! Vi lascio alla musica perché se dovessi descrivere cosa sono queste note per me, l’articolo non basterebbe. Spero vi raccontino più di quanto potrei fare io. Non prendete come lavative queste mie parole, come l’amore tra gli umani anche quello per la musica, a volte, non si può spiegare.

Se siete arrivati fin qui complimenti! Ne sarà valsa la pena! Aspetto i vostri commenti!

Come promesso, una chicca nella chicca… In questo video compare Eugenio Finardi che presentò questa canzone al Festival di Sanremo nel 1999 dal titolo Amami Lara.

Alla prossima vostra T.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza strumenti propri o di terze parti che salvano dei piccoli files (cookie) sul tuo dispositivo. Questi cookies di tipo tecnico, come Google Analytics servono per generare report e statistiche, i dati sono anonimi, tutto questo per e poterti offrire un servizio sempre migliore.

Abilitare i cookies ci permette di offrirti un servizio migliore