Perché dire “tieni la schiena dritta!” non serve a niente?

“Stai dritto con la schiena!” “Non stare ingobbito!” “Tieni la testa dritta!” “Pancia in dentro e petto in fuori!” Quante volte nella vita ci siamo sentiti dare consigli (oppure ordini!) su come stare dritti? Troppe!!! Ma… sono utili questi consigli?

E… cosa vuol dire esattamente stare dritti? Oggi vogliamo fare un po’ di chiarezza su quella che è la nostra POSTURA CORRETTA.

Partiamo da cos’è la POSTURA.

Con il  termine postura possiamo intendere la  posizione  del  corpo  nello  spazio  e la relazione  spaziale  tra  i  segmenti  corporei,  il  cui  fine  è  il  mantenimento dell’equilibrio  (funzione  antigravitaria),  sia  in  condizioni  statiche  sia  dinamiche, ossia sia quando siamo fermi che in movimento.

Al mantenimento di questo equilibrio concorrono fattori neurofisiologici, biomeccanici, psicoemotivi e relazionali, legati anche all’evoluzione della specie.

La postura è, quindi, perlopiù INVOLONTARIA, qualcosa che non possiamo controllare solo coscientemente… quindi capiamo che continuare a dire ad un ragazzino “stai dritto con la schiena!” è non solo frustrante, ma anche inutile. Capiamo meglio perché.

La postura è gestita dall’attività del Sistema Tonico Posturale (STP), il quale lo possiamo paragonare ad un computer che riceve ed  elabora  informazioni  provenienti  da:

forze meccaniche  agenti  nel corpo di natura pressoria e tensiva

dai recettori posturali, ossia piede, l’occhio, l’apparato  stomatognatico (bocca),  la  cute, l’apparato  muscolo-scheletrico, il sistema vestibolare.

Dopo aver elaborato le informazioni a lui giunte attiva risposte riflesse
di natura antigravitaria, le quali dicono ai nostri muscoli come si devono
comportare, in che posizione stare.

Capiamo, quindi, che la postura è condizionata dagli input, ossia dalle informazioni in entrata, provenienti da occhio, bocca, piede, ecc. ma è anche il prodotto di ciò che viene elaborato dal sistema nervoso centrale in base a specifici processi neurofisiologici e all’esperienza.

Ecco perché dare continuamente consigli posturali ad una persona non è affatto sufficiente per aiutarla a “stare dritta” e ad avere una postura corretta. Molto utile è invece fare una valutazione posturale con un esperto in materia, il quale potrà fornire consigli ed esercizi mirati e specifici.

Dott.ssa Alice Delbono – Dott. Stefano
Grassotti

www.osteopatiabrescia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza strumenti propri o di terze parti che salvano dei piccoli files (cookie) sul tuo dispositivo. Questi cookies di tipo tecnico, come Google Analytics servono per generare report e statistiche, i dati sono anonimi, tutto questo per e poterti offrire un servizio sempre migliore.

Abilitare i cookies ci permette di offrirti un servizio migliore