Lunedì, semplicemente arriva…

L’haiku che aiuta a sognare.

Questo haiku mi rappresenta completamente. 

Leggerlo e immaginarmi in questo pensiero è stato un colpo di fulmine, descrive perfettamente un sentire profondo e difficile da mutare. 

Cos’è la malattia se non una condizione di inadeguatezza alla vita? E quanti di voi hanno il coraggio di ammettere di sentirsi talvolta inadeguati. 

Io, molto spesso. 

A volte ho la percezione di non essere al passo con tutto ciò che mi circonda, o di non essere pronta a digerire l’asprezza della vita e della condizione umana. A volte mi sento soffocare, senza scampo dal giudice interiore, implacabile e crudele come mai potrei essere nei confronti di un’altro essere umano. 

Quant’è facile essere severi con sé stessi? 

Troppo vero? 

Cosa può salvarci da tutto questo? 

Per me, i sogni hanno sempre rappresentato l’ancora di salvezza. Sognare significa sperare che qualcosa cambi… e come cita il detto, “finché c’è vita, c’è speranza” quindi cambiamento che si trasforma in nuovi sogni e nuovi cambiamenti. 

Quindi fino a quando sogno e spero nulla sarà davvero perduto, potrò accelerare e restare al passo, magari concedermi una tregua dall’assassinare ogni gesto d’amore verso me stessa. 

Durante questo nostro e forse unico viaggio, su un treno senza binari e allo sbando, anche se fuori dal finestrino è tutto buio, ti prego, sogniamo insieme. 

Alla prossima vostra T. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza strumenti propri o di terze parti che salvano dei piccoli files (cookie) sul tuo dispositivo. Questi cookies di tipo tecnico, come Google Analytics servono per generare report e statistiche, i dati sono anonimi, tutto questo per e poterti offrire un servizio sempre migliore.

Abilitare i cookies ci permette di offrirti un servizio migliore