BA DUAN JIN: la quinta forma

Dopo aver analizzato la prima forma, la seconda forma, la terza forma e la quarta forma della sequenza del Ba Duan Jin, in questo articolo proseguo con la spiegazione dettagliata della quinta forma.

YAO TOU BAI WEI QU XIN HUO

Tradotto in italiano è: “Scuotere la testa e far oscillare la coda per calmare il fuoco del Cuore“.

Come suggerisce il nome stesso della forma, questo esercizio è molto utile per lavorare e placare stati d’ansia e di stress, in quanto la funzione principale del Cuore Centro (Xin) è contenere lo Shen, il nostro spirito, che viene trasmesso in tutto il nostro corpo grazie al Sangue (Xue) ed al Ministro del Cuore, il muscolo cardiaco, quindi la pompa che genera l’azione propulsiva che permette al sangue di circolare, un suo squilibrio energetico provoca dentro di noi stati d’ansia.

Lo Shen è una delle cinque sostanze fondamentali (accennate brevemente in questo articolo) ed è considerato, secondo la Medicina Tradizionale Cinese, la nostra anima, il nostro modo di pensare ed il nostro approccio alla vita.
È associato anche alla potenza creatrice di ogni individuo e la sua capacità di relazionarsi con gli altri, con il modo esterno e con le varie energie che circolano nel corpo.

Si manifesta nei cinque organi (che cito brevemente in questo articolo) attraverso i Ben Shen, gli spiriti viscerali considerati appunto la manifestazione dello spirito nei vari Zang (organi), che ora vediamo:

  • Fegato = contiene tre spiriti Hun e sono collegati con il nostro aspetto più spirituale e creativo, la nostra capacità di avere sogni, progetti ed obiettivi. Rappresentano anche la nostra consapevolezza di sé ed identità, infatti si dice in MTC, che questi Ben Shen si attivano al terzo giorno o terzo mese dalla nascita del bimbo nel momento in cui, in antichità, il padre attribuiva il nome al nascituro.
  • Cuore Centro = contiene lo Shen che si manifesta negli occhi, infatti la loro vivacità ci definisce lo stato emotivo e spirituale della persona (Shen Ming = Luce degli occhi).
  • Milza = contiene lo spirito Yi che rappresenta la nostra intenzione e la capacità di creare collegamenti tra l’energia esterna ed il Qi che è già presente dentro di noi. Quindi è la capacità d’integrare nuove informazioni dentro di noi. Questo spirito si attiva al momento della nascita del bimbo.
  • Polmone = contiene i sette spiriti Po collegati al nostro istinto primordiale di sopravvivenza, quindi mangiare, dormire ed accoppiarci. Questi spiriti costituiscono la parte più materiale di noi, infatti si attivano al momento del concepimento del bimbo partecipando attivamente a tutto il processo di sviluppo del feto “nutrendolo”.
  • Rene = contiene lo spirito Zhi che rappresenta la nostra forza di volontà più profonda, il nostro voler vivere, la nostra forza d’animo e decisione. Questo spirito si attiva al momento della nascita del bimbo.

Vediamo ora tutti i movimenti da eseguire per praticare correttamente questa tecnica. I movimenti descritti sono associati alla fase respiratoria che indico in grassetto. Partendo dalla postura Mapu, quindi gambe divaricate più della larghezza delle spalle, ginocchia flesse, mani appoggiate alle cosce e schiena dritta:

Inspirazione

  1. Drizzare le gambe rivolgendo il busto verso sinistra, mantenere lo sguardo dritto

Apnea

  1. Piegare il busto in avanti e girare il capo rivolgendo lo sguardo di fronte a sé

Espirazione

  1. Compiere un movimento rotatorio, dal basso verso l’alto, sfruttando la mobilità delle anche mantenendo la colonna il più possibile dritta
  2. Tornare in posizione Mapu

Ripetere a specchio dall’altro lato

RIPETERE LA SEQUENZA IN TUTTO SEI VOLTE, TRE VOLTE PER LATO

Altri effetti benefici collegati a questa sequenza sono lo scioglimento delle tensioni cervicali e toraciche, l’allineamento ed il rinforzo della colonna vertebrale ed il miglioramento della mobilità delle anche. Ad un livello più profondo è ottima per tonificare e riequilibrare il sistema cardiocircolatorio e respiratorio.

La respirazione ideale per eseguire gli Otto Pezzi di Broccato è quella inversa, che descrivo in questo articolo, ma se siete dei neofiti potete tranquillamente respirare in modo naturale.

Siamo giunti alla fine di questo articolo, attendo come sempre i vostri commenti e le vostre sensazioni in merito all’argomento. Buona Pratica!

Un ringraziamento doveroso alla mia insegnante di Tai ChiQi Gong e Shaolin, Ambra Vielmi, presso l’A.S.D. Team Tigre Bianca di Darfo Boario Terme e Gabriele Filippini, il mio maestro di Tuina e Qi Gong presso l’associazione WuWei di Brescia.

Qua la mano! Valeria

Foto: http://www.iwua.it/ba-duan-jin/

Scopri tutti gli articoli dedicati alla sequenza Ba Duan Jin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza strumenti propri o di terze parti che salvano dei piccoli files (cookie) sul tuo dispositivo. Questi cookies di tipo tecnico, come Google Analytics servono per generare report e statistiche, i dati sono anonimi, tutto questo per e poterti offrire un servizio sempre migliore.

Abilitare i cookies ci permette di offrirti un servizio migliore